La nuova modalità di League of Legends, Tattiche di Squadra (Teamfight Tactics), è uscita da sufficiente tempo per poter scrivere un Guida a TFT, valida sia per i nuovi che vogliono approcciarsi al gioco, che per i giocatori che già hanno fatto pratica. La guida si comporrà con brevi spiegazioni sul funzionamento delle singole parti, spesso accompagnate con immagini illustrative dell’argomento. (Nota: le immagini non sono aggiornate su alcuni dettagli di bilanciamento del titolo stesso)

Guida a TFT:

L’inizio della partita

La partita inizierà con 8 giocatori, tutti con 100 PV, con lo scopo di rimanere l’ultimo in gioco. La partita si apre con il Carosello una giostra che permetterà a tutti i partecipanti di sceglie un campione, contendendoselo con gli altri. Una volta scelto, tutti i giocatori verranno spostati nella propria arena dove potranno iniziare a comporre la propria squadra per sconfiggere gli avversari. A fine di ogni scontro, il giocatore perdente perderà dei punti vita. Quando arriverà a 0, uscirà dalla competizione e potrà scegliere di rimanere a vedere i vari scontri, o uscire dalla partita.

La scacchiera e la panchina

  1. Mini leggenda del giocatore, ogni giocatore è rappresentato in gioco da una mini leggenda con la quale può spostarsi per raccogliere oggetti e (durante il Carosello) campioni;
  2. Scacchiera, divisa in due parti (una per giocatore) dove posizionare i propri campioni;
  3. Panchina, zona di vera e propria attesa delle pedine non schierate;
  4. Shop, attraverso lo shop è possibile comprare i campioni e avere il controllo dei soldi posseduti. C’è la possibilità di refreshare lo shop o comprare punti esperienza;
  5. Sinergie, zona che mostra le proprie sinergie attive e quelle in costruzione;
  6. Zona oggetti, piattaforma sulla quale si depositano gli oggetti non equipaggiati da nessun campione;
  7. Interessi, zona che mostra (a tutti i giocatori) il livello di interessi di cui il giocatore è in possesso;
  8. Classifica, vera e propria classifica in tempo reale che mostra i punti vita dei giocatori in gioco;
  9. Turno di gioco, breve resoconto parziale di alcuni scontri precedenti e anticipazioni degli scontri futuri (PvP o PvE);
  10. Tempo di attesa (fine/inizio round);
  11. Zona dell’avversario (Scacchiera+Panchina+Interessi).

I campioni

La prima cosa da sapere riguardo TFT è che, come modalità di League of Legends, le pedine dell’auto-chess sono i campioni di League of Legends stesso. Ogni campione possiede un quantitativo di salute e di mana, specifico per il campione. Quando la salute scenderà a zero (per via dei colpi degli avversari), il campione uscirà dallo scontro. Il mana funziona al contrario, raggiunto il limite di mana il campione utilizzerà la sua abilità, unica per il campione.
I campioni possono essere di 5 Rank diversi. Ogni campione all’inizio è di livello 1. Accumulando 3 pedine unguali dello stesso livello, queste si fonderanno per costruire la stessa pedina, ma di livello superiore, fino ad un massimo di 3.

Shop e Panchina

Lo shop è la zona che permette di comprare i campioni e accumularli per farli salire di livello, o per tenerli per sinergie future. I campioni comprati resteranno nella panchina fino a comando contrario, che può essere un avenzamento di livello della pedina, uno schieramento (del giocatore o automatico), o la vendita della stessa per riprendere i soldi.

Le sinergie

Ogni campione possiede (mediamente) un’Origine e una Classe. Quando più campioni della stessa Origine o Classe sono contemporaneamente sul campo di battaglia attivano automaticamente le sinergie che ne scatuiriscono. Alcune di queste hanno effetto per tutto lo scontro (Nobili) , altre ad inizio (Fastama) o a fine (Pirati). Starà al giocatore dicedere quale megliore sinergia attivare sia nel singolo che come moltitudine. Non esiste un vero limite massimo di sinergie da mettere in campo, ma non necessariamente averne di più significa essere più forti.

L’ordine degli scontri

Ad inizio partita, ogni giocatore dovrà affrontare degli scontri PvE, per poter costruire la prima squadra. Solo successivamente si scontrerà contro altri giocatori e dare il via alla vera partita. Tutto il corso della partita sarà un alternanza di: scontri contro gli altri giocatori (PvP), scontri contro mostri della giungla di League of Legends (PvE) e il Carosello. Quest’ultimo però varia dalla sua forma iniziale. Infatti, i giocatori potranno contendersi i campioni nella giostra, ma a scaglioni. A gruppi di due (dai più bassi in classifica ai più alti), potranno utilizzare le mini leggende per raccogliere ciò che più gli aggrada.

I campi (PvE)

I campi, rappresentano una fase di “pausa” dalla competizione vera e propria. La loro prima utilità è quella di droppare oggetti, questi possono essere oggetti o soldi. Entrambi dovranno essere raccolti dalla mini leggenda del giocatore. Mentre i primi verranno depositati nella zona oggetti (6 nella leggenda sopra), i soldi si potranno visionare nello shop con relativi introiti: 5 ad ogni round + interessi (1 per ogni 10 gold accumulati, con un massimo di 5) + win/lose streak.

Gli oggetti

Gli oggetti sono la vera customizzazione delle varie composizioni. L’argomento è il più discusso, perchè qui c’è uno dei fattori più RNG dell’intero gioco. Ogni oggetto, fornirà al campione a cui è stato assegnato un buff ad una statistica (Spatola esclusa). Questo potrà esser combinato con un altro oggetto per ottenere un ulteriore potenziamento, oltre alle sole statistiche. La composizione può avvenire soltanto su una pedina, non fa differenza se sulla scacchiera o se in panchina. Gli oggetti “base”, una volta entrati a contatto con un altro “base”, si fonderanno automaticamente, quindi state attenti a cosa scegliete.
Nella “Zona Oggetti” è possibile vedere cosa costruiscono due oggetti, senza il rischio di fonderli insieme.

Share:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *